Caratteristiche delle scarpe per atletica leggera: come scegliere le migliori? Guida completa

1
2
3
4
5
Nike Revolution 5, Scarpe da Atletica Leggera Donna, Multicolore (Barely Rose/Mtlc Red...
PUMA Evospeed Long Jump 6, Scarpe da Atletica Leggera Unisex-Adulto, Giallo (Fizzy Yellow Black),...
adidas Sprintstar, Scarpe da Atletica Leggera Uomo, Multicolore (Ftwr White/Core Black/Shock Red...
HKR Donna Scarpe da Ginnastica Corsa Sportive Fitness Running Sneaker Scarpe da Atletica Leggera...
PUMA Evospeed Star 6, Scarpe da Atletica Leggera Uomo, Giallo Fizzy Yellow Black 08, 42.5 EU
Nike Revolution 5, Scarpe da Atletica Leggera Donna, Multicolore (Barely Rose/Mtlc Red Bronze/Stone...
PUMA Evospeed Long Jump 6, Scarpe da Atletica Leggera Unisex-Adulto, Giallo (Fizzy Yellow Black),...
adidas Sprintstar, Scarpe da Atletica Leggera Uomo, Multicolore (Ftwr White/Core Black/Shock Red...
HKR Donna Scarpe da Ginnastica Corsa Sportive Fitness Running Sneaker Scarpe da Atletica Leggera...
PUMA Evospeed Star 6, Scarpe da Atletica Leggera Uomo, Giallo Fizzy Yellow Black 08, 42.5 EU
Nike
PUMA
adidas
HKR
PUMA
Nike Revolution 5, Scarpe da Atletica Leggera Donna, Multicolore (Barely Rose/Mtlc Red Bronze/Stone...
Nike Revolution 5, Scarpe da Atletica Leggera Donna, Multicolore (Barely Rose/Mtlc Red...
Scarpe sportiveLeggerezzaAmmortizzazione
PUMA Evospeed Long Jump 6, Scarpe da Atletica Leggera Unisex-Adulto, Giallo (Fizzy Yellow Black),...
PUMA Evospeed Long Jump 6, Scarpe da Atletica Leggera Unisex-Adulto, Giallo (Fizzy Yellow Black),...
adidas Sprintstar, Scarpe da Atletica Leggera Uomo, Multicolore (Ftwr White/Core Black/Shock Red...
adidas Sprintstar, Scarpe da Atletica Leggera Uomo, Multicolore (Ftwr White/Core Black/Shock Red...
Chiusura con lacciTomaia in rete a un solo stratoDesign leggero di grande tenuta
HKR Donna Scarpe da Ginnastica Corsa Sportive Fitness Running Sneaker Scarpe da Atletica Leggera...
HKR Donna Scarpe da Ginnastica Corsa Sportive Fitness Running Sneaker Scarpe da Atletica Leggera...
PUMA Evospeed Star 6, Scarpe da Atletica Leggera Uomo, Giallo Fizzy Yellow Black 08, 42.5 EU
PUMA Evospeed Star 6, Scarpe da Atletica Leggera Uomo, Giallo Fizzy Yellow Black 08, 42.5 EU

Come ben sanno tutti gli appassionati, la corsa è un’attività dalle molte declinazioni. Una di queste è l’atletica leggera. Una disciplina complessa ed affascinante, che racchiude in sé un ampio numero di specialità agonistiche, ognuna con delle peculiarità proprie e caratterizzanti. Ma quale calzatura é preferibile indossare, per affrontarle tutte nel modo più idoneo e fruttuoso? Le scarpe sono un accessorio di fondamentale importanza in tutti gli sport che si praticano, ed anche l’atletica leggera ha una serie di modelli migliori. Li scopriamo nel presente articolo.

Caratteristiche di base

Il primo aspetto da tenere in conto è che le calzature devono adattarsi alla perfezione alle caratteristiche fisiche della persona che le indossa. Esse devono quindi calzare nel modo giusto, senza risultare costrittive, ma anzi assecondando il piede in tutti i suoi movimenti naturali. Allo stesso tempo, una scarpa ottimale deve garantire una buona aderenza al fondo stradale, sostenendo l’arco plantare e ammortizzando opportunamente ogni impatto del piede a terra.

Le calzature sportive devono inoltre garantire una opportuna traspirazione, permettendo alla pelle di respirare, anche al massimo dello sforzo fisico e della produzione di sudore. Non da ultimo, la costruzione della tomaia e della intersuola (lo spazio compreso tra tomaia e battistrada), deve garantire una certa protezione da eventuali urti accidentali.

I chiodi

Entrando nel vivo della prestazione atletica, ci sono però molti altri requisiti da considerare. Ciò che caratterizza particolarmente le scarpe da atletica leggera rispetto a quelle da running puro, è la presenza dei chiodi sulla superficie battistrada. Questi hanno il precipuo scopo di perfezionare l’aderenza della calzatura al suolo e sostenere la spinta del piede in avanti. In tal modo, ogni movimento, viene compiuto nel modo più agevole e leggero. Una caratteristica che non serve solo a garantire velocità, ma risulta funzionale anche ad una migliore gestione della performance complessiva e, in modo particolare, per i salti e i lanci da essa previsti.

I chiodi posti al di sotto della calzatura da atletica leggera non sono però tutti uguali. Possono avere, infatti, diverse misure da selezionare a seconda del tipo di gara. Una distinzione fondamentale, per quanto riguarda le gare di atletica leggera, è se esse siano di tipo campestre o si tengano su pista.

Le gare campestri

Nel primo caso bisogna regolarsi sulla morfologia del terreno da affrontare. Si va dalla misura più piccola, pari in genere a 3 millimetri, se il fondo stradale ha una consistenza dura e non presenta fango. Uno spessore di circa 6 millimetri è invece quello consigliato per terreni neutri, coperti ad esempio di erba secca. Se invece si ha a che fare con un campo fangoso, i chiodi possono andare dai 9 ai 12 millimetri a seconda della pastosità della terra. Il massimo spessore previsto è di 15 millimetri, che risulta utile però solo su percorsi ricoperti di neve.

Le gare su pista

Nelle situazioni relative a questa fattispecie, per definire lo spessore dei chiodi più consono alla performance, si tiene conto del circuito da svolgere. Più precisamente, la selezione dovrebbe avvenire considerando quali sono le prove specifiche previste dallo stesso. Per le gare di fondo in pista come i 3000, 5000 e 10000 metri, che presentano magari anche degli ostacoli, la dimensione raccomandata dei chiodi è di 3 millimetri. Per le prove di mezzofondo (come i 400, gli 800, i 1500 ed i 3000) ed il salto in alto e in lungo, lo spessore ottimale è pari a 6 millimetri. Si sale a 9 millimetri per le prove di velocità e di salto ad ostacoli e per i 60, i 100 ed i 200 metri piani. Per le gare su pista la misura massima dei chiodi è di 12 millimetri, appositamente studiata per le gare di lancio del giavellotto.

I modelli non chiodati

Non tutte le calzature da atletica leggera, però, sono chiodate. Ci sono modelli che, pur presentando una struttura super tecnica, sono sprovvisti di chiodi. Queste scarpe sono studiate per chi concentra la propria performance sulla corsa, piuttosto che sulle altre specialità che caratterizzano la stessa disciplina.

La distinzione principale è, in questo caso, quella tra scarpe minimaliste e super leggere.

Nel primo caso, ci troviamo di fronte a delle calzature generalmente molto comode e ottime per correre a ritmi sostenuti. Tuttavia, avendo installati degli accorgimenti tecnici minimi per quanto riguarda l’ammortizzamento, questi modelli potrebbero causare un maggiore affaticamento delle gambe. Soprattutto per le persone meno allenate e dalla muscolatura meno sviluppata. Inoltre, le scarpe minimaliste offrono un rendimento inferiore rispetto alle scarpe chiodate: motivo per cui, se si è abituati ad allenarsi o gareggiare con i chiodi, occorre un po’ di tempo per adattarsi ad un loro utilizzo ordinario e raggiungere le medesime performance.

Nei modelli super leggeri, invece, il sistema di ammortizzamento è del tutto inesistente. Ne consegue che essi sono adatti, non solo a chi ha raggiunto livelli di preparazione atletica già consistenti, ma è anche dotato di una statura piccola e minuta di un fisico asciutto e poco pesante. Salvo casi eccezionali, il limite di peso massimo per queste scarpe sportive è stabilito, in genere, intorno ai 70 chilogrammi.

I prodotti migliori

Per quanto riguarda le scarpe da atletica leggera, i marchi da consigliare sono soprattutto quelli leader del mercato sportivo. Parliamo dunque di Puma, Adidas, Nike, Asics, Mizuno e Saucony. Si tratta di collezioni molto assortite e in grado di fare fronte ad ogni tipo di esigenza, sia atletica che estetica. Generalmente, in tutte le linee sono presenti modelli specifici per uomo, donna e bambino. Si consiglia di operare una scelta basandosi, prima di tutto, sul livello di preparazione fisica e sulla propria morfologia plantare. In caso di dismorfismi anatomici o di problemi di iper – pronazione, consigliamo di selezionare un modello di calzatura studiato in modo specifico per queste situazioni.

I prezzi di questi prodotti risultano compresi, all’incirca, tra i 50 ed i 200 euro. La variazione é determinata, com’è facile intuire, dalle caratteristiche specifiche della calzatura. Si tratta inoltre di costi che, per natura, possono oscillare nel corso del tempo ed anche in maniera significativa. Per ognuna di queste ragioni, è consigliato sempre di avvalersi delle informazioni riportate sui canali ufficiali dei marchi produttori.

Laureata in Marketing e Comunicazione, ho avuto diverse esperienze professionali in campo pubblicitario. Amo leggere e scrivere da sempre interessandomi di vari ambiti; in particolare moda, benessere, design e tecnologia. Scrivo anche poesie, alcune delle quali pubblicate in volumi antologici.

Back to top
Tutto per il Running